CLAMOROSO!!! Il colpo di sole agostano sulla Villetta potrebbe costarci 25.000 euro all’anno per cinque anni

di Paolo Scattoni

Appena di ritorno dal Comune dove ho presentato una richiesta di accesso agli atti avevo deciso di scrivere un post su quanto mi era costato in termini di tempo.
Rimando ad un prossimo post, perché dalla lettura del “Contratto di comodato dell’auditorium di proprietà comunale sito a Chiusi in via della Villetta n.3” (Repertorio n4125/2021, ottenuto dopo due giorni di quella via crucis di cui darò conto, c’è un passaggio che vale la pena leggere e discutere subito.

Prego leggere con attenzione perché ad uno che poco sa di contratti sembra un’enormità.

L’articolo 7 così recita “(…) Le parti prendono atto che, in osservanza del progetto di gestione depositato in sede di gara ed allegato al presente atto sotto la lettera A, il comodatario ha proposto la realizzazione di opere di manutenzione straordinaria e migliorie pari al valore di Euro 125.000 da ammortizzarsi nella durata contrattuale pari ad anni cinque.

In osservanza dell’articolo 21-quinquies della legge 241/1990 le parti concordano che, qualora la concessione venga revocata per motivi di interesse pubblico o dalla necessità di utilizzo dei locali per pubblica utilità risultanti da formali provvedimenti, l’Amministrazione comunale si impegna a riconoscere al comodatario un’indennità annua commisurata al valore dell’investimento effettuato, pari ad Euro 25.000,00 moltiplicati per ogni anno di vita residua nella misura suindicata, alla data di efficacia della revoca”

HO CAPITO BENE? Una concessione di uno spazio utilizzato dalla scuola pubblica ad una fondazione privata che pare frutto di un colpo di sole agostano, di fatto si trasforma in una misura blindata che se messa in discussione costerà alla comunità 25.000 euro all’anno.
Non si potrebbe vedere di farli pagare personalmente al sindaco uscente?

p.s. Per chi volesse scaricare il contratto lo trova sullo storico dell’albo pretorio: http://chiusi.soluzionipa.it/openweb/albo/albo_dettagli_full.php?id=20091

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

22 risposte a CLAMOROSO!!! Il colpo di sole agostano sulla Villetta potrebbe costarci 25.000 euro all’anno per cinque anni

  1. pscattoni scrive:

    X Luca Scaramelli. Il legale era il vostro non il mio. Comunque facciamo a capirci; i contenuti dell’Istanza sono condivisi dal candidato a sindaco Sonnini?

  2. Luca Scaramelli scrive:

    Sulla diffida dovresti chiedere al legale, io faccio un altro lavoro.

  3. pscattoni scrive:

    X Luca Scaramelli. Tutto vero Luca, ma al di là della polemica elettorale avrei due domande. Sei d’accordo con me che se l’Istanza in autotutela fosse stata pubblicata ora questa polemica non ci sarebbe? Quel testo lo dovetti rimuovere dal blog per una diffida del vostro legale.
    Seconda domanda: il candidato sindaco Sonnini condivide quei contenuti?

  4. Luca Scaramelli scrive:

    Signora Gisella nel suo commento lei afferma questo: “Possiamo e 5 stelle sono ancora in amministrazione. Non si sono accorti di nulla? Come ha trovato la documentazione Paolo Scattoni potevano trovarla anche loro, anzi, forse prima”. Nel mio commento le spiego che le cose non stanno come lei afferma, la documentazione l’abbiamo reperita e ci siamo mossi per ciò che ci competeva, è tutto documentato.

  5. Gisella Zazzaretta scrive:

    X Luca Scaramelli. Lo so quello che avete fatto ma l’articolo parla di tutt’altro

  6. pscattoni scrive:

    X Luca Scaramelli. Anche questo blog ha documentato l’impegno dei consiglieri di opposizione con l’istanza in autotutela (http://www.chiusiblog.it/?p=38928). A me però rimane il dubbio che quella istanza non sia stata letta dal candidato sindaco Sonnini perché ieri sera ha detto che non è abbastanza informato sulla vicenda. Penso che sia interesse anche dei due candidati in lista (Lottarini e Cippitelli) ma sicuramente di molti di noi sollecitare Sonnini a prendere una posizione sul tema. È sufficiente che dica di essere d’accordo con l’istanza da loro presentata. Se invece è in disaccordo allora diventa un problema per i candidati della coalizione.

  7. Luca Scaramelli scrive:

    Chiaramente quanto da me espresso nel precedente commento non è frutto di opinioni ma supportato da documenti ufficiali a disposizione di chi voglia consultarli.

  8. Luca Scaramelli scrive:

    Capisco che la Signora Zazzaretta sia in piena trance agonistica per la campagna elettorale, e forse per questo le sono sfuggiti dei passaggi fondamentali: io e la compagna di avventura in consiglio comunale per la Lista Possiamo, Daria Lottarini, così come le consigliere del gruppo 5 stelle ci siamo interessati in maniera attiva alla vicenda, attraverso incontri con i dirigenti scolastici, con la consulenza di due legali, e con atti specifici. In data 26 Luglio 2021, abbiamo presentato istanza di annullamento in autotutela della delibera di giunta n. 102 del 2 Luglio 2021, a cui è seguita una segnalazione alla provincia per l’attivazione del Collegio di Vigilanza. Sempre attraverso consulenze legali abbiamo provveduto a sollecitare risposte da parte del Comune alla nostra istanza, fino a che il comune ha deciso l’assegnazione alla Fondazione Lombardi.
    Eravamo intenzionati a percorrere anche la via del ricorso al Tar, ma visto che il nostro mandato di consiglieri scade fra 4 giorni non abbiamo potuto compiere questo ulteriore passo. Sarebbe bene informarsi sulla realtà delle cose prima di sparare stupidaggini contro persone o gruppi politici. Grazie.

  9. pscattoni scrive:

    C’è una “piccola” novità che in un certo senso ci tranquillizza in parte. I lavori iniziati sullo stabile sarebbero di lieve entità e quindi non necessitano del cartello. Spero di poter pubblicare in mattinata un nuovo post perché la cosa potrebbe avere implicazioni da martedì con il nuovo sindaco.

  10. pscattoni scrive:

    X Gisella Zazzaretta. Alle 12 di oggi gli accessi a questa pagina sono stati giusto 400. Sono passate appena 18 ore dalla pubblicazione del post. Non era mai successo su chiusiblog in così poco tempo. Sono numeri che stanno ad indicare un forte interesse. Rimane da capire come la pensino i candidati e le liste.
    Eppure la domanda a cui rispondere è molto semplice: cosa pensano del passaggio dei locali della Villetta dalla scuola pubblica ad una fondazione privata. SE sono per il mantenimento alla scuola pubblica cosa intendono fare da martedì 5 ottobre?
    A me pare molto semplice.

  11. Zazzaretta Gisella scrive:

    X Luciano Fiorani. Non c’é solo il PD ma anche Possiamo e 5 stelle, presenti all’incontro con il Preside Marra. Questi ultimi hanno aperto due chat su la Villetta ma le conversazioni si sono fermate al 6 settembre. Possiamo e 5 stelle sono ancora in amministrazione. Non si sono accorti di nulla? Come ha trovato la documentazione Paolo Scattoni potevano trovarla anche loro, anzi, forse prima
    Questa vicenda, ancora una volta, sta a dimostrare, come la trasparenza tanto conclamata, ai partiti, per primi (maggioranza e minoranza), non interessa affatto. Sono vuote parole di campagna elettorale. Io sarei per una denuncia di “abuso di potere” nei confronti del sindaco uscente ma vedo che la paura fa novanta. Che interessi ci sono dietro ad una simile azione? E, di nuovo, perchè, stanno tutti zitti? E quante altre sorprese ci ritroveremo in futuro?

  12. pscattoni scrive:

    Concordo con Carlo Giulietti, è anche un serio colpo al prestigio della Fondazione Lombardi.

  13. Carlo Giulietti scrive:

    Vorrei aggiungere che le cose che riguardano la scuola solitamente interessano poche persone, ma di fronte a queste persone anche la fondazione che gestisce la scuola privata non ci fa certo una bella figura a prestarsi a questi giochi di guerra sporca. E questo pur apprezzando tantissimo, anche se non ho avuto modo di conoscerla, l’attività di formazione che porta avanti.

  14. Rossella Rosati scrive:

    Generalmente preferisco analizzare i documenti e trarne le conseguenti conclusioni, cosa qui del resto già fatta ed evidente di per sé, ma non posso esimermi, in questo caso, da alcune constatazioni prettamente di opinione. In uno dei recenti Consigli Comunali il Sindaco ha detto che il Comune è un’azienda, ed i fatti dimostrano come abbia applicato il concetto esposto in sede consiliare. Sottolineo però che in genere i veri imprenditori, quelli con la I maiuscola, rischiano i capitali propri e lo fanno al fine del raggiungimento di un profitto. In questo caso si rischia un capitale di tutti i cittadini al fine di conseguirne una netta perdita, se non altro dovuta al fatto che la ristrutturazione della Villetta è stata terminata nel 2016 con soldi pubblici, al fine di adibirla ad auditorium. Oltre a questo ho sempre pensato che esser di sinistra significasse tener presente il valore e l’importanza delle Pubbliche Istituzioni in favore ed a vantaggio di tutti, non di pochi, ma soprattutto in favore ed a vantaggio di coloro che rischiano di rimanere indietro , e la Scuola Pubblica ne costituisce il migliore degli esempi. Comunque sarà molto interessante constatare come i prossimi amministratori intendano controllare l’avveramento di tutte le clausole contenute nell’allegato A del contratto.

  15. pscattoni scrive:

    Quando si parla di utilizzazione per “pubblica utilità” si deve considerare che quello spazio già aveva un uso per pubblica utilità.

  16. Luana Scipioni scrive:

    Ritengo che andrà esaminato il tutto da persona competente, la considerazione che faccio è solamente di buon senso.
    Nel caso i locali servissero per pubblica utilità noi dovremmo rimborsare il costo dei lavori fatti anche nel caso questi lavori fossero superflui o di intralcio all’attività da svolgervi. Così ho capito e mi sembra un dispetto a Chiusi e un favore al privato.

  17. enzo sorbera scrive:

    L’amore per Chiusi si fa soffocante e porta in regalo un’eredità piuttosto pesante. L’articolo è assai chiaro e non sembra offrire scappatoie. Ovviamente, un conto è il progetto, un conto la quantità di lavori realizzati fino a oggi e che potrebbero essere interrotti dalla nuova amministrazione. Sarà su questo ammontare che occorrerà calcolare l’investimento effettivamente speso. Poi ci potrebbero essere difformità, errori e altro che potrebbero portare a multe ed ammende. Insomma, anche chi ha avuto il “regalo” potrebbe ritrovarsi un dono che forse vorrebbe non avere mai avuto.

  18. luciano fiorani scrive:

    Roba da matti.
    Ma anche in questa faccenda non vorremo mica far credere che sia solo ed esclusivamente colpa di Bettollini?
    Che ci fanno in Comune tre assessori del Pd e quattro consiglieri di cui uno riconfermato in lista (Cottini) se nessuno è in grado di fare chiarezza informando la cittadinanza?
    Se è riuscito Paolo Scattoni a scoprire questa sconcezza loro non potevano farlo da dentro il Palazzo?
    Altro che il Pd è cambiato e Sonnini è un bravo ragazzo!
    E’ la solita solfa di sempre!
    E non tirate in ballo la campagna elettorale perché per far sapere queste cose ai cittadini il tempo va trovato e ogni momento va benissimo!
    E la scuola che ha fatto ricorso ha buttato i soldi?

  19. Iacopo Meloni scrive:

    Spero bene di aver letto e capito male, altrimenti mi vien da dire che il nostro “amato Sindaco” ha voluto lasciare un “caro”, anzi “carissimo” ricordo di se!

  20. Carlo Giulietti scrive:

    A questo punto il PD locale e provinciale, il presidente dell’amministrazione Provinciale e i candidati che ancora non lo hanno fatto, devono pronunciarsi e comunicare la loro posizione. A maggior ragione se la campagna elettorale è in corso. E spero che, oltre a prendere posizione, l’amministrazione provinciale possa anche intervenire per rimediare al mal fatto

  21. pscattoni scrive:

    Ho pubblicato dopo conferma da persona che ritengo competente.

  22. Carlo Giulietti scrive:

    Spero anche io che quello che si legge non corrisponda a quello che, da incompetente, mi par di capire. Visto Così sembrerebbe una sorta di contratto capestro contro il quale non ci potrebbe essere via d’uscita. Se così fosse saremmo
    proprio a voler dire “io te l’ho dato e nessuno te lo tolga”. Incredibile!!!
    Non è possibile che una amministrazione comunale, oltretutto quasi decaduta, lasci un atto del genere a chi verrà dopo di lei. Chi ha sottoscritto chi l’ha approvato e consentito dovrebbe veramente assumersene le responsabilità direttamente, personalmentepersonalmente. Paolo, sono completamente d’accordo con te. Magari però chi ne sa più di noi potrà interpretare diversamente, meglio se dopo aver letto tutto il contratto

I commenti sono chiusi.