Carbonizzatore. La strategia dell’assessore: meglio il silenzio

silenziodi Paolo Scattoni

Ve la ricordate la posizione dei bravi giornalisti sul carbonizzatore? È stata più o meno questa: “C’è un’interrogazione (quella di SI Toscana a sinistra) allora aspettiamo cosa rispondono”. Guarda caso la risposta c’è stata e l’abbiamo pubblicata quasi in tempo reale. I bravi giornalisti, molto sensibili a fatti come la sventata evasione di due carcerati a Terni, la risposta dell’assessore Fratoni per ora non ha avuto l’onore della cronaca.

La mia convinzione è che Comune, Regione e naturalmente ACEA abbiano una strategia comune, quella di addormentare il dibattito e aspettare nel frattempo che le procedure per la Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) facciano il loro corso. Certo a pensar male si fa peccato ma forse ci si indovina era solito dire uno che di politica se ne intendeva.

Vediamo allora uno dei segnali. Linterrogazione Fattori- Sarti di SI Toscna a sinistra termina così:

Se non ritiene quindi necessaria una sospensione della procedura VIA dell’opera in questione per quanto esposto in narrativa”. La risposta a uesta domanda è stato il silenzio assoluto”

Cosa ha impedito alla Fratoni di specificare nella sua risposta perché quella sospensione non avrebbe fondamento? Solo uno degli indizi del disegno che potremmo definire “non ti curar di loro ma guarda e approva”.

Comunque in attesa che dopo le notizie su evasioni sventate in Toscana e Umbria forse i bravi giornalisti si degneranno di scrivere qualcosa. Noi nel nostro piccolo continueremo a confrontare la domande dell’interrogazione con la risposta della ex (o ancora?) renziana Fratoni. Il nuovo corso del PD rappresentato da Zingaretti che pone al primo posto la sostenibilità dello sviluppo dovrà anche a Chiusi dire qualcosa.

Intanto il Comitato ARIA si riunisce domani alle 21 nei locali della parrocchia. Si discuterà anche di questo. Siete tutti invitati. Forse l’assessora Fratoni nella stessa giornata avrà presenziato a qualche iniziativa a favore di Greta. Penso che il modo migliore per onorare le iniziative per l’ambiente sia la coerenza.

Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLO21, POLITICA, TERRITORIO. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available