Polisportiva. E’ solo una questione della squadra che fa prima goal o di chi segue la Via Lattea?

di Rossella Rosati

Non m’intendo di calcio, di campionati o di portieri e giocatori , ma m’interessa ciò che accade nel territorio in cui vivo e la capacità di offrire la pratica sportiva ai ragazzi, in ragione della sua notevole importanza formativa .
Sotto questo aspetto ho iniziato ad osservare la partita di campionato POLISPORTIVA CONTRO COMUNE , con ASD Città di Chiusi in panchina quale riserva.

PRIMO TEMPO :
nello “scontro” tra Sindaco di Chiusi e Polisportiva mi parrebbe di aver afferrato che la Polisportiva sostanzialmente reclama la triplicazione del contributo per la gestione del BENE COMUNALE dei campi da calcio.
Il Sindaco si contrappone dicendo che non vuol concedere alcun ulteriore contributo oltre i 15.000,00 previsti nella Convenzione.
Per interpretare il “primo tempo” ho considerato quanto è collegato esclusivamente al contributo dei 15.000,00 in base agli atti pubblicati , in virtù dell’obbligo di trasparenza, tralasciando gli ulteriori apporti comunali quali contributo integrativo ed in conto capitale di € 4.500,00 e di € 20.000,00.
Lo schema dei resoconti presentati dalla Polisportiva al Comune , per la gestione di Sua competenza, dal 2015 in poi, è il seguente:

Dai dati si desume un aumento del valore delle quote d’iscrizione, per il periodo 2015/2019, del 57% che può significare o un aumento delle singole quote a parità di soggetti o un aumento del numero dei soggetti , di certo la % d’incremento non è di poco conto.
Ugualmente si sono ampliati i costi di gestione della Polisportiva , generando perdite annuali proiettabili anche negli ultimi due anni, preso atto della mancata annotazione dei costi di assicurazione e carburante degli automezzi , a meno che non ci si sia mai spostati o il mezzo sia stato offerto da qualche volontario ( tuttavia trattasi di un costo latente)
QUANTO SOPRA NON RIGUARDA LO SCHEMA DI ATTACCO DELLA POLISPORTIVA , a meno che i diretti interessati non cambino formazione.
La Polisportiva reclama la concessione da parte del Comune di un contributo ulteriore rispetto ai 15.000,00 euro già concessi, fornendo a supporto un RESOCONTO DEI COSTI DI GESTIONE DEI CAMPI DA CALCIO , separato dal resto.
In base alle fatture che Polisportiva e Comune asseriscono l’una di averle consegnate l’altro di averle ricevute i costi di gestione dei campi da calcio hanno avuto negli ultimi 5 anni la seguente progressione :

Pertanto, facendo una media, sia ha un costo annuo di gestione per i campi da calcio di € 61.103,97 , su cui la Polisportiva avanza sul campo una propria richiesta di concessione di un ulteriore apporto comunale per la parte non coperta dal contributo in essere.
Il problema , dal mio punto di vista , non sta tanto in fusioni, accorpamenti quanto piuttosto in quanti soldi è disposto ognuno a mettere sul piatto e dove li trova, altrimenti facciamo come “lo stercorario” e non certo sotto l’aspetto del seguire la Via Lattea per orientarsi.
Ma forse la Via Lattea l’aveva intravista il Sindaco precedente quando nel mese di settembre 2014 dichiarava che i lavori del Nuovo Stadio non sarebbero costati un euro ai cittadini ?

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Polisportiva. E’ solo una questione della squadra che fa prima goal o di chi segue la Via Lattea?

  1. pscattoni scrive:

    Per ieri 29 giugno si diceva essere stata convocata una riunione della commissione consiliare con Polisportiva e altri. Visto che siamo noi contribuenti a pagare, un minimo di informazione sarebbe gradita.

  2. pscattoni scrive:

    Finalmente un po’ di conti!!! Della crisi della Polisportiva si sente parlare spesso approssimativamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available