Lottizzazioni: urge fare un bilancio

porto-mezzo-1di Paolo Scattoni

Recentemente sono stati pubblicati due post (“I fantasmi della vecchia urbanistica” e “Una delibera che è un gioco di parole”) sulla decisione presa nell’ultimo consiglio con il voto negativo delle minoranze: la costruzione e adeguamento della rete fognaria in località Poggioolivo. Dato che su quell’area insiste una lottizzazione, le cui opere di urbanizzazione non sono state prese in carico dal Comune. La domanda posta dalle minoranze in consiglio è stata in sostanza : “Questa partecipazione indiretta del Comune insieme a Nuove Acque può rappresentare un precedente?” Purtroppo non c’è stata risposta chiara.

Su questo blog i due post hanno ottenuto in pochi giorni circa 650 contatti e 28 commenti. I tempi di permanenza sui due post sta inoltre a dimostrare che sino stati letti attentamente. Sono numeri importanti per questo blog. Sono un segno di curiosità e secondo me se ne deve tenere conto. La domanda dei consiglieri di opposizione sembra essere presente in molti di quei commenti e probabilmente anche nel pensiero

Martedì scorso sono andato a chiedere agli uffici comunali. Anche in questo caso non c’è stata risposta. Quello che invece è emerso è che le lottizzazioni non chiuse ce ne sono in buon numero e quindi le opere di urbanizzazione non sono state prese in carico. Addirittura la prima lottizzazione, quella di Torri del Fornello, è stata approvata da circa quarant’anni fa non è stata mai chiusa e ne deduco quindi che le opere di urbanizzazione siano ancora a carico dei lottizzanti.

È quindi urgente che si faccia un bilancio sulle lottizzazioni ormai chiuse con le opere di urbanizzazione prese in carico dal Comune e quelle ancora non definite. Questo è il primo passo. Lo si può fare in pochi giorni e allora le forze politiche potranno esprimere con cognizione di causa. Senza quel veloce studio il dibattito rimane purtroppo sul sentito dire.

Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLO21, TERRITORIO. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Lottizzazioni: urge fare un bilancio

  1. pscattoni scrive:

    Per l’area lottizzata di Poggio Olivo c’è stata una domanda di nuova lottizzazione nel 2008 e rigettata nel 2011. Quali obblighi rimangono? Questo il punto. L’impegno del Comune di un intervento, mi dicono è pochissima. Allora perché inserirla in delibera? Per dire che è stato il Comune a portare in porto l’intervento. Insomma la solita propaganda? O cosa?

  2. Romano Romanini scrive:

    Strano ma siamo d’accordo. Infatti in questi giorni avevo guardato il PO che esamina insieme i Piani Attuativi, gli Interventi convenzionati e gli Interventi Unitari del vecchio PRG “ancora aperti” e li classifica in: “non decaduti” (4), “decaduti con lotti da completare” (7), “decaduti con OO.UU. non collaudate” (7). Totale 18.
    Da qui possiamo cominciare e se vuoi ti mando l’elenco di dettaglio.
    Ma non basta ancora, perché queste vanno ora incrociate con le indicazioni del PS che parlano di “realizzate”, “in corso di realizzazione”, “parzialmente realizzate”. Altrimenti si rischia di lasciare fuori qualcosa che nel passaggio dal vecchio PRG al PS e poi al PO “si è perso per strada”. Un esempio tra tutti è proprio la lottizzazione di Macciano che nel PO non risulta come lottizzazione e viene divisa in “zona di completamento” e in verde privato mentre il PS la classifica “parzialmente realizzata” e “da realizzare con Piano Attuativo” . Con questi elementi potremo chiedere lo “stato” di ciascuna e le ragioni per cui ancora non sono state definite. Buon Ferragosto

  3. pscattoni scrive:

    x Romano Romanini. Lavoro sicuramente utilissimo. Non so però se intendiamo la stessa cosa. Io credo che sia di fondamentale importanza sapere quante sono le lottizzazioni approvate e “ancora aperte”, per le quali non sono state ancora prese in carico dal Comune le opere di urbanizzazione, e per quale motivo. Per queste è essenziale che l’amministrazione non prenda impegni accollandosi lavori spettanti ai lottizzanti in modo da non creare precedenti.

  4. Romano Romanini scrive:

    Da Piano Strutturale le previsioni non attuaterisultavano 69.
    Farò accesso agli atti così vediamo di avere l’elenco aggiornato.

  5. pscattoni scrive:

    Bene sarà dunque il caso che finalmente si elenchino (magari oggi sono di meno) e per ognuna di queste capire perché ancora non sono state definite. Non mi sembra un lavoro impossibile.

  6. luciano fiorani scrive:

    Fino a qualche anno fa le lottizzazioni “ancora aperte”, mi è stato detto dal Palazzo, che erano 26.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available