di Raffaello Battilana

 Con tutto il rispetto e la stima che ho per Paolo (Scattoni), aver scritto un post sul Sindaco di Casal di Principe, nei cui confronti nutro sentimenti di grandissimo apprezzamento, dopo il risultato delle elezioni europee e amministrative di domenica scorsa, è come andare al cinema a vedere un capolavoro e fare commenti positivi sulla bravura di uno dei truccatori.

Mi vorrei soffermare invece sul perchè il risultato di queste elezioni potrebbe rappresentate una novità molto importante per l’Italia. Per la seconda volta nel dopoguerra un partito politico supera il 40%, dopo la DC. Per la prima volta un partito della sinistra supera, in Italia, il consenso del 33-34% raggiunto da Berlinguer e Weltroni. Per la prima volta il partito della sinistra riformista italiano è il partito che ha più peso nel Partito dei Socialisti e Democratici europei.

 Per la prima volta il PD raccoglie consensi nel Nord produttivo e addirittura nel Nord Est delle partite IVA , prima democristiano e poi leghista. Tutto questo perchè il Segretario – Presidente è un attore più bravo di Grillo e Berlusconi? Intanto mi permetto di far notare che sconfiggere Berlusconi per via elettorale non era stato in Italia così facile: ma di questo ci siamo già dimenticati. Sul piano della gestione del palcoscenico poi, Grillo non credo abbia niente da imparare da nessuno. Quindi, a mio avviso, c’è qualcosa di più.

 Intanto è indispensabile che a sinistra si smetta di considerare la capacità di comunicazione un difetto, solo perchè è stata introdotta nella politica italiana dal cavaliere. In una società che alcuni intellettuali definiscono liquida, il rapporto diretto tra elettore e leader (altra parola ostica alla sinistra) è fondamentale.

 E Renzi ha saputo rassicurare e, soprattutto, far intravvedere una via d’uscita senza mandare tutto all’aria, come invece ha comunicato Grillo. Anzi, dirò di più, ha introdotto in politica la categoria della speranza. E’ vero che la speranza è molto vicina alle promesse irrealizzabili, ovvero alla vendita di fumo, ma è anche vero che avere come orizzonte solo la rabbia può accontentare molti, comprensibilmente inferociti nei confronti delle varie caste moralmente indegne, ma ne spaventa ancora di più.

 Gli 80 euro corrisposti a maggio a coloro che hanno un reddito tra 8.000 euro e 28.000 euro lordi sono stati sicuramente “venduti” bene, ma anche la Banca d’Italia ha riconosciuto che possono avere riflessi positivi sulla ripresa della domanda interna. E qui veniamo alla famosa frase di Clinton “It’s the economy, stupid”, per dire quanto incidano sulla scelta degli elettori le proposte economiche, che più di altre hanno riflessi diretti sulle condizioni materiali di vita della popolazione.

 Allora bisogna riconoscere che qui Renzi è un profondo innovatore rispetto all’armamentario tradizionale della sinistra, anche di quella riformista. L’imprenditore, che rischia personalmente e trae profitto da una attività lecita e rispettosa delle Leggi, non è uno sfruttatore, ma contribuisce, insieme ai propri dipendenti, a creare ricchezza.

 La pressione fiscale in Italia ha raggiunto livelli non più sopportabili e non può essere aumentata. All’egualitarismo dei punti di arrivo viene preferita l’eguaglianza dei punti di partenza e la considerazione del merito personale. Da qui l’importanza assegnata alla scuola.

 Certo questo lascia spazi a sinistra che saranno riempiti da tutti quei pezzi di società antagonista, radicale e intellettualmente molto esigente che comunque storicamente rappresenta una minoranza, molto qualificata, ma pur sempre minoranza.

 Per quanto riguarda il fenomeno 5 Stelle, a mio avviso ha rappresentato e rappresenta un utilissimo stimolo di lotta alla corruzione, agli sprechi e ai costi della politica senza il quale i partiti non si sarebbero sicuramente messi in movimento. Rimane a mio avviso il limite gigantesco di non avere orizzonte culturale e politico diverso dalla lotta alla Casta.

 E l’annullamento delle differenze tra destra e sinistra, che così tanto ha influito sulla raccolta di un consenso trasversale di proporzioni straordinarie, si dimostrerà in futuro un grande elemento di debolezza. Ovviamente secondo me.