Il confronto può partire da subito. Non si parte da zero.

di Paolo Scattoni

Negli ultimi giorni si è discusso sui ritardi di proposta del PD. Partiamo dunque da definire quel partito: “Partito Democratico (PD) è un partito politico italiano di centro-sinistra fondato il 14 ottobre 2007. Secondo il Manifesto dei valori, approvato dal partito il 16 febbraio 2008, «il Partito Democratico intende contribuire a costruire e consolidare, in Europa  e nel mondo, un ampio campo riformista, europeista e di centro-sinistra, operando in un rapporto organico con le principali forze socialiste, democratiche, progressiste e promuovendone l’azione comune». (cit da Wikipedia)
Questo richiamo all’apertura e al confronto è stata più volte ribadita dal segretario nazionale Zingaretti. Secondo me è un richiamo anche per la situazione di Chiusi.


Da tempo i due partiti di opposizione in consiglio si sono detti disponibili a un confronto politico sui temi più delicati e sensibili della situazione locale. Anche movimenti civici e ambientalisti, come il Comitato ARIA, sono disponibili al confronto purché pubblici. Ecco allora che esiste un terreno comune. Da ieri anche il documento della segreteria unione comunale PD prevede questa possibilità.
Questo non significa necessariamente alleanze e lista unitaria per le prossime amministrative.

Sui temi non si parte da zero perché di questi molto si è dibattuto in varie sedi.
Provo a buttar giù un elenco facendo riferimento soltanto a quanto discusso in questo blog. Quindi altri ce ne possono essere. Intanto però si potrebbe  iniziare i possibili confronti generali e la istituzione di possibili gruppi di lavoro. Le citazioni agli articoli sono soltanto una selezione, sui temi individuati spesso il confronto è stato molto attivo.


Trasparenza e partecipazione
È possibile migliorare le procedure di accesso alla documentazione? (http://www.chiusiblog.it/?p=33419)
Rendere pubblici i lavori delle commissioni
Istituire il question time (http://www.chiusiblog.it/?p=37204)
Una piattaforma per la tracciabilità delle decisioni. (http://www.chiusiblog.it/?p=32665)

Ambiente
Le 14 domande del Comitato ARIA (http://www.chiusiblog.it/?page_id=37065)
Area Biffe per trattamento rifiuti ( http://www.chiusiblog.it/?page_id=36712 )
Azioni per il lago ( http://www.chiusiblog.it/?p=36046 )
Supporto a una rete di centraline per il monitoraggio della qualità dell’aria ( http://www.chiusiblog.it/?p=36872 )
Supporto a progetti di cittadinanza come Laboratorio Ambiente ( http://www.chiusiblog.it/?p=29742 )

Coesione territoriale
Azioni per l’accesso a servizi pregiati propri delle aree metropolitane ( http://www.chiusiblog.it/?p=35636 )
Scelte per i collegamenti ferroviari per pendolari ( http://www.chiusiblog.it/?p=34956 )
Azioni di supporto per progetti di scienza di cittadinanza (http://www.chiusiblog.it/?page_id=34057)
Attrarre fondi europei per la coesione

Scuola e scienza di cittadinanza
Supporto all’Istituto Valdichiana. (http://www.chiusiblog.it/?p=29226)
Valorizzare i corsi serali (http://www.chiusiblog.it/?p=36894)
Promuovere il confronto scuola-imprese
Creazione di un fablab accessibile (http://www.chiusiblog.it/?p=31444)
Collaborazione per un Junior Science Shop (http://www.chiusiblog.it/?p=32269)

Imprese
Bilancio e migliore utilizzazione start up ( http://www.chiusiblog.it/?p=31319 )
Migliore coordinamento Centro per l’Impiego
Supporto corsi di formazione
Verifica previsioni aree per insediamenti produttivi

Cultura
Bilancio Fondazione Orizzonti e prospettive ( http://www.chiusiblog.it/?p=35939 )
Coordinamento con altre realtà di zona (p.e. Cantiere Internazionale dell’Arte)
Cultura dell’innovazione (p.e. associazione Innovazione Locale) ( http://www.chiusiblog.it/?p=32140 )

Opere Pubbliche
Utilizzo Palapania ( http://www.chiusiblog.it/?page_id=36352 )
Utilizzo opere centro intermodale ( http://www.chiusiblog.it/?p=26912 )
Manutenzioni

Molti altri temi possono essere elencati: Urbanistica, Sport, Volontariato, Contrasto alla povertà etc. Quelli già elencati possono essere sufficienti per pensare ad iniziative pubbliche e promuovere tavoli di approfondimento.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Il confronto può partire da subito. Non si parte da zero.

  1. roberto donatelli scrive:

    ..chiudere con le fallimentari esperienze di oltre un decennio.
    Credo che chiudere con questa A. C. sarebbe più idoneo.

  2. luciano fiorani scrive:

    Questo paese è precipitato in un una palude piena di problemi. Uscirne non sarà facile e neppure scontato ma meriterebbe provarci, specie chi ha la prospettiva di vivere per tanti anni in questa città.
    I temi, grosso modo, sono quelli indicati nell’articolo ma il primo passo che la politica deve fare, secondo me, è svelenire il clima che ci portiamo dietro da più di un decennio.
    Il primo obbiettivo deve essere la ricostruzione di un clima di concordia, che non significa andare tutti d’accordo su tutto ma ricostruire un clima di rispetto reciproco tra i vari orientamenti politici perché le forze sono scarse e trovare una base comune di discussione e di ragionamento non è più rinviabile.
    Ma per fare questo è necessario, almeno a mio avviso, chiudere definitivamente con le fallimentari esperienze di oltre un decennio.

I commenti sono chiusi.