Sportello MPS sintomo di una crisi profonda del centro storico

Screenshot from 2017-12-21 13-04-35ricevuto da Daria Lottarini

Possiamo- Sinistra per Chiusi esprime forte preoccupazione per il costante impoverimento dei servizi nel centro storico, il progressivo depauperamento del tessuto commerciale e in ultimo l’annunciata imminente chiusura dello sportello bancario MPS.
Siamo convinti e consapevoli  che la vitalità dei centri storici vada di pari passo con la garanzia della continuità dei servizi ai cittadini,  uffici pubblici, scuole, iniziative culturali, attività commerciali.
Chiediamo se riguardo alla chiusura dello sportello bancario sia stato chiesto, dalla pubblica amministrazione, un incontro con la banca. Si chiede alla stessa quali immediate iniziative intenda intraprendere per evitare l’ulteriore abbandono del centro storico e per valorizzare il patrimonio storico e tutte le varie attività.
Proponiamo un incontro pubblico che coinvolga la pubblica amministrazione,le forze politiche, le associazioni di categoria,le banche e i cittadini per un confronto sulla difficile situazione del paese.

Questa voce è stata pubblicata in ECONOMIA, TERRITORIO. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Sportello MPS sintomo di una crisi profonda del centro storico

  1. carlo sacco scrive:

    Credo modestamente che tale incontro ,soprattutto con le banche lasci il tempo che trovi, per il semplice motivo che nulla le farà desistere da ciò che hanno già deciso. Loro non ragionano tenendo presente la comodità e la soddisfazione dei cittadini od il livello di soddisfazione sociale.Loro ragionano e ragioneranno come sempre hanno fatto, con quanto vien fuori dai loro bilanci. E quanto hanno deciso è la conseguenza diretta di adeguamento a quanto esce da quei bilanci.Credo che il Comune anche se l’avesse fatto oppure non fatto quel passo di chiedere alla banca di rimanere, poco credo che possa cambiare il risultato finale che come ho detto è stato già deciso.Un altro fantasma si aggirerà per Chiusi fra non molto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available