Ho ricevuto da Gaetano Rispoli una mai che contiene due interessanti notizie. La prima riguarda lo stato di attuazione del progettato biodistretto. E’ progetto che richiederà tempi non brevi, ma se avrà successo sarà un bel risultato. Ecco il testo al riguardo:

 In questo periodo ci sono stati degli sviluppi sul Biodistretto, prima di tutto c’è l’interessamento di 4 ragazzi ad intraprendere un’attività di coltivazione, vendita e consegna di prodotti locali, la produzione dovrebbe avvenire in terreni demaniali e con tecniche biologiche e di permacultura, cosa che apporta un enorme valore aggiunto al progetto.

In più abbiamo avuto un incontro con Mariagrazia Mammuccini, serponsabile AIAB per i biodistretti in Toscana, la chiacchierata con Lei è stata chiarificatrice sui passi da fare per arrivare alla costituzione del Biodistretto della Valdichiana. Ora la prossima azione da fare è l’incontro con gli agricoltori, in questa occasione volevamo presentare ai coltivatori una bozza di progetto (cosa è un Biodistretto, che difficoltà operative, di costi e di tempi potrebbe prevedere, quali sono i vantaggi.), che fosse abbastanza chiara per far capire quello che vogliamo fare, ma nemmeno molto definita per far capire che la nostra non è una soluzione preconfezionata ma una idea su cui tutto possono contribuire.
Per la redazione di questa bozza per il momento ci sono le corse per farla, quindi sbligatevi, chi volesse contribuire scriva velocemente.

 

 Più definita e di grande rilievo la seconda iniziativa. Ecco il testo di Gaetano:
Vi comunico con un certo orgoglio che siamo riusciti ad avere l’onore di ospitare SERGE LATOUCHE, sarà al lago di Montepulciano nel pomeriggio del 7 Luglio, è un lunedì.
Credo che sia una buona occasione per il nostro territorio per promuovere i nostri temi.

 Il link alla voce di wikipedia per chi non conoscesse l’opera di Latouche.