Archivi autore: pscattoni

Impianto ACEA: la vigile attenzione dei cittadini

di Paolo Scattoni

La tabella qui sopra è molto significativa. In otto giorni i tre post riferiti ad impianto ACEA e depuratore hanno raggiunto più di 800 sessioni e quasi quattrocento su alcune domande in tre giorni. C’è quindi un interesse vigile da parte della popolazione con la partecipazione alle iniziative, i social e lo stesso chiusiblog. Il documento che ne accompagnava la raccolta è servito a dare un’idea dell’intervento

Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | 2 commenti

L’ULTIMA MOSTRA DI THE FACE OF ASIA ALL ISTITUTO GEOGRAFICO MILITARE

 IGM del 2019-10-18 17-16-05di Carlo Sacco

Non avrei mai voluto scrivere un titolo simile ma dopo 10 anni di indefesso lavoro di ricostruzione archivistica lavorando fra lastre fotografiche,stampe,e diverso materiale storico fotografico ed oggettistico, sono stato costretto a fare la scelta di porre fine all’attività di questa Onlus da me stesso diretta.

Le motivazioni non sono solo economiche,di carattere pratico o di collocazione in spazi appositi del materiale fotografico che si degrada ulteriormente,ma sono anche quelle-forse le principali- della sordità delle istituzioni dei territori non solo di Chiusi ma anche di quelli confinanti.

La Onlus è nata per mia iniziativa di recuperare materiale fotografico, archivistico-storico del territorio di proprietà mia e della mia famiglia, ma anche di quello fotografico concernente l’Asia e quello librario relativo alle esplorazioni dal 700 ai giorni nostri del continente asiatico.Volumi spesso introvabili anche nelle biblioteche importanti del mondo;volumi per la maggior parte ” in lingua”. Tutto questo complesso di materiale è stato ceduto in comodato gratuito all’Associazione che si legge in calce e sarebbe stato nel tempo anche oggetto di interventi da concertare con le istituzioni del territorio e spesso pur sforzandomi a farlo ho constatato il più grande disinteresse: tutti bravi a proporre iniziative a parole ma nei fatti l’unica persona che si è frugata in tasca per il mantenimento,la scannerizzazione e tutto il resto sono stato io personalmente.

Adesso ho deciso di terminare tale modalità con immenso dispiacere poiché non posso più permettermi di organizzare esposizioni da solo e perdipiù frugamdomi in tasca. E’ impensabile ! Quindi anche rispetto a questo fatto,quando si parla di ”cultura” e di possibilità di utilizzo di questa nei paesi specialmente, si veicolano messaggi spesso totalmente risibili. Le istituzioni al massimo mettono a disposizione i locali che hanno (quindi si basano solo esclusivamente gli assessorati sull’interesse e l’iniziativa di coloro che interesse personal-culturale hanno per loro conto, ma nulla in più, anzi spesso nemmeno con quelli).

E questa non è la politica che i partiti si affrettano sempre a declamare ma l’esatto contrario.Si sà che non hanno soldi e che per averli li debbono togliere ad altri cespiti senz’altro più di immediata importanza sulla funzionalità della cosa pubblica, ma l’investimento in cultura ritengo che possa essere quello che possa cambiare le cose in questo paese e cambiarle in maniera notevole.

Chiudendo quindi tale Onlus rientrerò in possesso del materiale ceduto in comodato gratuito e chi vorrà fare iniziative con l’utilizzo di detto materiale deve sapere che ne dovrà sostenere i costi. Punto. Un ultima annotazione che per me è degna di rilievo: l’ultima iniziativa prima della chiusura sarà quella seguente alla richiesta da parte dell’Istituto Geografico Militare di Firenze di realizzare una mostra fotografica sul tema dell’esplorazione del Karakorum e del Tibet da parte di Luigi Amedeo di Savoia Duca degli Abruzzi che è stato uno dei più grandi esploratori italiani a cavallo del XIX e XX secolo.

Nel 1909 egli compì la prima esplorazione della regione del Karakorum ma non riuscì a conquistare il K2 che sarà conquistato ben quasi mezzo secolo più tardi da Ardito Desio, Compagnoni, Lacedelli e Walter Bonatti nel 1954. Di tutto quel territorio sconfinato ed inesplortato, la mia

Onlus è riuscita a recuperare le prime cartine geografiche di esplorazione

Continua a leggere

Pubblicato in CRONACA, CULTURA, POLITICA, SOCIALE | 2 commenti

Impianto ACEA: è il momento di farla finita con gli argomenti inconsistenti del sindaco

Bettole del 2019-10-18 11-43-25di Paolo Scattoni

Un amico mi segnala un post del sindaco di Chiusi Iuri

Continua a leggere

Pubblicato in ARTICOLO21, ECONOMIA, POLITICA, TERRITORIO | 2 commenti

Inchiesta pubblica: la Giunta batte un colpo a giochi quasi fatti

acea a chiusidi Paolo Scattoni

Finalmente la Giunta Regionale ha battuto un colpo sulla questione carbonizzatore. Personalmente debbo ringraziare il consigliere regionale Tommaso Fattori di SI Toscana a sinistra e del suo collaboratore Duccio Braccaloni.

Come abbiamo scritto più volte su questo blog l’inchiesta pubblica o altre forme di partecipazione previsti dalla legislazione regionale toscana debbono essere svolte nella fase iniziale del processo autorizzativo e non come sta succedendo nelle fasi finali.

In questa fase sembra un contentino dovuto a chi l’ha chiesto sin dall’inizio. Da questo blog  da quando si è venuti a conoscenza dell’alienazione di proprietà comunale (dicembre 2017) dove l’offerta di ACEA era accompagnata da una nota in cui si scriveva chiaramente che in quell’area sarebbe sorto un impianto di carbonizzazione per il trattamento di 80.000 tonnellate all’anno.

Evidentemente il comitato non era degno di attenzione. Più attenzione la ottennero i consiglieri di SI Toscana a sinistra che presentarono poco dopo una mozione approvata all’unanimità il 18 aprile che impegnava la Giunta regionale a farsi parte attiva per organinizzare un processo partecipativo. A impegno dovuto nessuna risposta. Intanto ACEA depositava il progetto sul quale vengono presentate osservazioni dal Comitato ARIA e l’associazione Il Riccio e richiesta di integrazioni di diversi settori dell’amministrazione regionale. Della patecipazione neppure l’ombra.

Alla ripubblicazione del progetto che dovrebbe rappresentare una versione dove integrazioni e osservazioni sono prese in considerazione. Quando lo deposita ACEA? L‘8 agosto. Quando lo pubblica la Regione? il 20 agosto. Per legge ci sono soltanto trenta giorni per la presentazione di ulteriori osservazioni. Troppo spesso queste cose avvengono d’agosto perché sfuggano. Se questo sia stato il caso non sappiamo. Verto non è stato facile accorgersi della pubblicazione e il tempo per intervenire davvero esiguo. Per fortuna il Comitato ARIA ci riesce.

Intanto pochi giorni fa il presidente della giunta regionale Enrico Rossi in unaa intervista alla Nazione afferma che per Chiusi i tempi saranno brevi, a marzo potrebbero iniziare i lavori.

Che partecipazione sarà? Il rischio che sia una partecipazione di Pulcinella è assai alta. Io credo però che nonostante il rischio si debba partecipare. Nel frattempo però spero che il Comitato, pur nella sua limitatezza di mezzi possa

organizzare

Continua a leggere

Pubblicato in ARTICOLO21, ECONOMIA, POLITICA, TERRITORIO | Lascia un commento

Taccini candidato: facciamo dell’Umbria il cuore digitale italiano ed europeo

ft-bn-p_5Fosco Taccini ha spesso pubblicato su chiusiblog. Oggi è candidato alle regionali Umbria per la lista Sinistra Civica Verde in appoggio al candidato Bianconi. Ci invia questo suo comunicato. (P.S.)

 da Fosco Taccini

L’Umbria è tra le prime regioni italiane con la maggiore estensione di fibra posata di proprietà pubblica per numero di abitanti

Continua a leggere

Pubblicato in ECONOMIA, POLITICA, TERRITORIO | 1 commento

Depuratore: trasparenza araba fenice

araba fenicedi Paolo Scattoni

La trasparenza nella pubblica

Continua a leggere

Pubblicato in ARTICOLO21, POLITICA, TERRITORIO | 2 commenti

Consiglio Comunale Venerdi 18 ore 14.30

Consiglio del 2019-10-13 19-21-29

Pubblicato in Senza categoria | 1 commento

Elezioni regionali in Umbria: cosa ne pensa una candidata

consiglio umbriadi Rita Fiorni

È vero che ,ad oggi ,com é normale

Continua a leggere

Pubblicato in POLITICA | 1 commento

Elezioni Umbria: un inaspettato recupero del centrosinistra

sondaggio umbria2019-10-09 12-03-03di Paolo Scattoni

Fra qualche giorni, il 27 di ottobre, votano per le regional i nostri vicini di casa umbri. Come noto, sono elezioni anticipate a causa di   ulcuni arresti e denunce per concorsi pubblici truccati. È stata la fine di un “regime” costruito negli anni

Continua a leggere

Pubblicato in POLITICA | 3 commenti

Un’iniziativa del Museo: un ciclo di incontri di grande interesse

71592535_2426239584079781_4151763246581284864_nL’EREDITA’ CULTURALE SOSTENIBILE
Storia e Archeologia a Chiusi tra Passato Presente e Futuro
VENERDI’ AL MUSEO NAZIONALE ETRUSCO
Ottobre 2019 – Aprile 2020

Riprende anche quest’anno il ciclo di incontri “L’Eredità Culturale Sostenibile”, organizzato dal Museo nazionale Etrusco in collaborazione con Comune della Città di Chiusi e Gruppo Archeologico “Città di Chiusi”.
Il ciclo di incontri ripropone molti temi dell’Archeologia chiusina, in questa occasione soprattutto legati alla Mostra “[Ri]scrivere il Passato. Il nome etrusco di Chiusi e altre Storie” visitabile nei tre musei cittadini fino al 29 marzo 2020, realizzata grazie al Consiglio

Regionale della Toscana Toscana, al Comune della Città di Chiusi, al Mibact-Polo Museale della Toscana-Museo Nazionale Etrusco di Chiusi

Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Commenti disabilitati su Un’iniziativa del Museo: un ciclo di incontri di grande interesse

Sparlare o parlare di ferrovia? Il caso della Chiusi-Siena

normal_DSC00348di Paolo Scattoni

Vale la pena riportare

Continua a leggere

Pubblicato in ECONOMIA, POLITICA, TERRITORIO | 1 commento

Richiedenti asilo: la diffidenza che progressivamente scompare

capo_62885160di Paolo Scattoni

Fra ieri ed pggi ho raccolto due segnali di ottimismo sui richiedenti asilo africani

Continua a leggere

Pubblicato in CULTURA, ECONOMIA, RELIGIONE, SOCIALE, TERRITORIO | Commenti disabilitati su Richiedenti asilo: la diffidenza che progressivamente scompare

Il lago richiede più attenzione

lago7di Luciano Fiorani

Lo stato del lago e, ovviamente, delle sue acque è da decenni fonte di preoccupazione per i cittadini di Chiusi, specie dopo la vicenda “atrazina” che bloccò la fornitura di acqua potabile e fece comparire le famigerate autobotti nelle piazze del paese.

Ad ogni voce o chiacchiera si drizzano le orecchie.

Lo scorso anno tenne banco, per un certo periodo, l’inquinamento da microplastiche; voce rimbalzata nientemeno che dall’America. Il tutto finì, almeno ufficialmente, in una bolla di sapone. L’acqua che arriva nelle nostre case, fu detto, non contiene microplastiche.

Ed è la cosa più importante.

Questa estate c’è stata una notevole fioritura di alghe che ha interessato diverse parti della superficie del lago colorandole di verde.

Da parte di un privato cittadino sono state fatte analizzare le acque e i risultati, tramite il Comitato ARIA, son finiti sul tavolo del maresciallo dei carabinieri, sezione ambientale (ex Forestale).

I risultati evidenziavano valori, in alcuni casi, notevolmente superiori alla norma.

La questione è finita sul tavolo del sindaco e poi di Nuove Acque, il gestore dell’acquedotto chiusino.

Dai nuovi controlli di Nuove Acque si è appreso che il fenomeno della fioritura delle alghe è stagionale e che non tutte le “microcistine” che si sviluppano sono nocive per l’uomo.

Il superamento del limite dei queste alghe pericolose per la salute porta, come è già avvenuto per il lago di Massaciuccoli, al divieto della balneazione o al divieto dell’uso dell’acqua contaminata per scopi alimentari.

Ma non è il caso del lago di Chiusi; ha precisato infatti Nuove Acque che i suoi controlli, che hanno luogo dal 2012, non hanno mai rilevato valori superiori alla norma delle microcistine nocive per l’uomo e che sono quelle che vanno attenzionate con cura.

Naturalmente Nuove Acque ribadisce che l’acqua che ci arriva in casa è assolutamente sicura. Ci mancherebbe, verrebbe da aggiungere!

Ma certo, vedere la superficie del lago tingersi di verde non è un bel vedere.

E resta ovviamente il fatto che, sempre in attesa dell’acqua del Montedoglio, la salute del nostro lago va seguita con attenzione perchè è da lì che arriva l’acqua che utilizziamo ogni giorno nelle nostre case.

Ma è altrettanto evidente che tutto spinge verso un inevitabile e progressivo peggioramento; sia le questioni generali, come =&24=&

Pubblicato in TERRITORIO | 14 commenti

Ci ha lasciato il maestro Vasco Nasorri

Vasco1di Paolo Scattoni

Lo scultore chiusino, il maestro Vasco Nasorri, ci ha lasciato. Chi frequenta questo blog ha visto l’annuncio di mostre in uno spazio in via Porsenna a Chiusi Città, denominato Spazio Ulisse curato dal figlio di Vasco, Simone. Queste iniziative sono volte a testimoniare l’arte offerta a tutti, non per niente offerta “su strada”, l’idea di Vasco.

Vasco Nasorri ha testimoniato una scuola. In questo caso il termine scuola non è una metafora perché iniziata in una scuola vera, fondata da un prete artista Don Manfredo Coltellini che ha offerto per alcuni anni formazione artistica a ragazzi le cui famiglie non potevano permettersi la continuazione degli studi dei figli.

Vasco Nasorri è stato l’allievo più importante in quella scuola che nel tempo ne ha testimoniato il messaggio.
Sicuramente Simone saprà tenere viva l’eredità artistica di suo padre.

Ora è il momento delle condoglianze.

Pubblicato in CULTURA | 1 commento

Consiglio comunale: venerdì 27 alle 14.30

Il blog pubblica solo oggi la notizia della convocazione. Scusate il ritardo, ma nessuno ce lo aveva segnalato. Chiusiblog è sicuramente poca cosa, ma forse qualcuno dei suoi utilizzatore può essere interessato. Pazienza. (Paolo Scattoni)

convocazione 2019-09-25 10-24-57

Pubblicato in POLITICA | 2 commenti